3 consigli di UX e UI per progetti di digital marketing

Pubblicato 26 Gen. 2018 da Sara.
Condividi:  Email   Facebook  Twitter  Google+ 
a cura di ninjamarketing.it

“Il design deve adattarsi al contenuto”. Spesso è questo ciò che immaginiamo quando ci avviciniamo a un progetto di marketing sul web. Eppure sarebbe più corretto affermare che l’uno influenza l’altro e viceversa, perché anche l’esperienza utente fornisce utili elementi da considerare quando si parla di digital marketing.
Questi aspetti, non sempre visibili dal primo momento, vanno considerati e verificati, anche in corsa, attraverso un’attenta analisi e un monitoraggio dei risultati, che potrebbe suggerirci di cambiare qualcosa nell’impaginazione del nostro sito web o del nostro adv.
Sul web abbiamo la fortuna di poter modificare, in tempo quasi reale, il nostro design, evitando il rischio di mandare in stampa, in modo definitivo, un contenuto “impaginato” male.
La creazione di un nuovo sito web o di un’applicazione mobile è in genere uno dei progetti più difficili da intraprendere, ma oggi è anche uno dei più diffusi. L’opportunità di costruire una presenza online non si può trascurare e le sfide dietro questa attività sono enormi, soprattutto in termini di UI e UX, vale a dire User Interface e User Experience.
Ecco quindi tre consigli Ninja per realizzare al meglio un progetto di marketing digitale.

Definire gli obiettivi

Senza questo passaggio non saremo in grado neanche di valutare il successo o il fallimento. Sembra facile in teoria, ma troppo spesso viene dimenticato o sviluppato in modo sbagliato. Numero di visite, tassi di conversione, tassi di rimbalzo sono solo l’aspetto quantitativo. Andrebbero identificati chiaramente anche obiettivi qualitativi, come quelli legati alla creazione di contenuti di valore e di brand awareness, per rendersi riconoscibili subito grazie ad una User Experience inconfondibile. Questi aspetti faranno migliorare anche i dati quantitativi.

Mettere in comunicazione i diversi team del progetto

Come dicevamo, contenuto, design, obiettivi e analisi dei dati dovranno sempre andare di pari passo nel nostro progetto. Per questo è essenziale che il Content Manager sia in comunicazione con l’UX designer, che a sua volta dovrà confrontarsi con i dati raccolti dal Digital Strategist, in un processo circolare in cui ognuno sarà aggiornato sulle attività dell’altro anche attraverso tool collaborativi, per raggiungere un risultato, senza rischiare però lo stallo che una serie infinita di approvazioni reciproche rischia di produrre.

Creare empatia con gli utenti

È la fase cruciale in termini di UI e UX, perché significa non solo conoscere prassi consolidate nel marketing online, ma anche rimanere nel cuore dei nostri potenziali clienti. Quali sono le priorità di chi visita il mio sito o guarda il mio annuncio online? Cosa cerca chi atterra sulla mia landing page e soprattutto in che modo vuole raggiungerlo? Come posso rendere più semplice la vita al mio utente? Come posso offrirgli un’esperienza talmente ricca e gratificante da farlo ritornare ancora a comprare? Non è semplice rispondere, ma se avrai affrontato correttamente i due passi precedenti, il risultato sarà molto più vicino di quanto pensi.
Non fermarti solo alla teoria e non rinchiudere il tuo progetto nella gabbia di ciò che hai già visto realizzato da altri. Prova a dare spazio alla creatività, per far parlare il tuo brand attraverso ogni progetto di digital marketing.

News, approfondimenti e tanto altro per scoprire il mondo della stampa e della grafica.

Articoli recenti

Bleed è il trimestrale cartaceo di Sprint24. Inviato a tutti coloro che hanno effettuato un ordine su Sprint24 negli ultimi due anni. Nato dalla convinzione che il mestiere (e l’arte!) del tipografo sia tanto impegnativo quanto gratificante, Bleed offre spunti creativi e di approfondimento tecnico su ciò che accade nel mondo della grafica, della tipografia e nella nostra azienda, attraverso letture piacevoli, interessanti e anche divertenti!

Sfoglialo subito!